Isola Capo Rizzuto, il super mangager lo paghiamo il 25% in più, incula i poveraccii x incassare lui…..”iamma ia – iamma ia” .

images Tu chiamala se vuoi volontà politica, un’amica mi aveva consigliato di rimarere sulle sponde del fiume ad attendere  che i nanerottoli del PD o l’UDC o i Demokratici o i tanti oppositori dell’attuale amministrazione  scrivessero’ qualcosa anche su questo blog che è rimasto sembre aperto che che ne dica madame legalitè fino ad oggi l’ho seguito volentieri e spassionatamente il suo consiglio ma ora questo decreto che sotto pubblico  mi ha fatto inoridire  anche se nn dovrebbe essere il blog il soggetto preposto ma i signori politicanti di cui ho detto sopra ma ad oggi vuoto assoluto anche, in questo momento che gli attuali amministratori sono al minimo storico di popolarità se si votasse domani la mia quotazione è del 20% ed anche meno ed in alcune aree del territorio vedi Le Castella al massimo al 15%  vedi : (Strisce blu, stagione estiva), Differenziata (buonissima idea ma mal gestita) e inutile parlare di Renzino Iorno , che ve lo dico a fare, se ne discute in ogni angolo del paese, sulle coop caliamo un velo pietoso dei  nanerottoli politicanti all’opposizione non diamogli molto importanza si sono persi nella ricerca di un candidato a Sindaco  ecc. ecc.

Fatta questa premessa ritorniamo al nostro SUPER MANAGER  ed al decreto che ne consegue,  il  Comune di Isola di Capo Rizzuto assume un Segretario Comunale a 36 ore alla settimana che ci costa 10 euro all’ora (sono molto di più all’ora 10 e solo un numero x farvi capire meglio, potrete voi stessi leggere l’inquadramento di tale soggetto arrogantello)  ebbene signori con il nostro culo (i nostri tributi)  decidono di fare una convenzione con il grande comune  (e duvi tu piu’) di Petilia Policastro ebbene al nostro Mattarella CIROTANO gli viene consentito di frazionare le 36 ore lavorative settimanale mediante convenzione facendo  27 ore a settimana nel Comune di Isola di Capo Rizzuto e 9 ore nel Comune di Petila ma fino a qua direte voi niente di strano e no amici miei ricordate i 10 euro all’ora ebbene ora sono diventati 12,50 all’ora…già

Allora domando e chiedo che convenienza ha il mio Comune a fare una convenzione con I petiliani se prima si aveva un segretario che pagavo 10 all’ora mentre ora mi costa  12,50 ma voi mi direte la professionalità va ricercata e va pagata certamente vi rispondo solamente che ha leggere le ultime  delibere pubblicate all’albo pretorio  mi sembra DI CAPIRE CHE ESISTE ANCHE L’ASSESSORE ASSENTE E TRASPARENTE CHE SI PAGA LO STIPENDIO SENZA MAI ESSERCI NELLE DELIBERE E CHE  PARE SIA SPARITO DAL COMUNE , PARE CHE IL SINDACO VIPS abbia nascosto il tutto ai SUOI ALLEATI   lo teneva lontano dla casa comunale in modo che nessuno si accorgese della questione  (chissa’  se i nanerottoli politicanti diranno la sua sull’arrogantello super manager e sulla questione assessore assente ma pagato profumatamente primo casa in Italia di assenteismo di un assessore ), . Ora leggettevi il decreto fatto al signor so tutto io e mi faccio i cazzi miei tanto sono i pochissimi gli  amministratori che mi girano intorno , (UN ASSESSORE  e TRASPARENTE oltre che sempre  assente uno NON E MAI STATO NOMINATO, UNO DEVE FARE FOTO. IMMAGINATE VOI CHI PUO’ CONTROLLARE IL SUPER MANAGER E RENZINO IORNO)  perchè lui conosce il CCNL meglio di tutti peccato x lui che lo conosco meglio di lui se mi ci metto Ops dimenticavo la maggiorazione è di oltre 14.000 euro all’anno non era meglio darli a chi ne ha bisogno questi soldi ??? l’abbuttu u lu crida au diunu. OPS DIMENTICAVO AGLI ARTICOLI SONO STATI TOLTI I COMMENTI QUINDI NON POTETE COMMENTARE SOLO LEGGERE.SE VOLETE SAPERE DELL’ASSESSORE SEMPRE ASSENTE NEGLI ULTIMI 4 MESI BASTA CHE ANDATE A LEGGERE LE DELIBERE ALL’ALBO PRETORIO. NIENTE DI ILLEGALE TUTTO NELLA NORME SE NN FOSSE ALTRO CHE IL COMUUNE NON HA OCCHI PER PIANGERE E PAGHIAMO IL MASSIMO DELLE TARIFFE SUI TRIBUTI. MI CHIEDO SE IN CASA LORO IN CHILO DI FRUTTA CHE POTREBBERO PAGARE 10 EURO LO PAGHEREBBERO 12,50 OPPURE SE PAGHEREBBERO UN IDRAULICO CHE NON GLI FA I LAVORI.

decreto_n_14-segretario-comunale

 

Pubblicato in Isola Capo Rizzuto

Isola di Capo Rizzuto, Sposarsi all’interno del Castello Aragonese FRAZIONE LE CASTELLA di Isola di Capo Rizzuto…… il giorno più bello della vostra vita in un’indimenticabile cornice….

 castello
 ​Il Comune di  Isola di Capo Rizzuto offre da quest’anno  la possibilità di celebrare matrimoni civili e promesse di matrimonio nel prestigioso Castello Aragonese  splendida terrazza sulle acque azzurre del  Mar Ionio.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI : 0962/797911 oppure 0962/797916/17

PER LE TARIFFE LEGGETIVI LA DELIBERA ALLEGATA

DELIBERA TARIFFE CASTELLO ARAGONESE

fortezza_le_castella_5

castello

Pubblicato in Isola Capo Rizzuto | Lascia un commento

Isola di Capo Rizzuto, Aeroporto : Salviamo il Soldato Ryan — air, Sindaci del Crotonese consegnate la Fascia al Prefetto, la faccia ormai l’avete perso…….

hulk

Blogger : per quanto riguarda il fallimento della società che gestisce  l’aeroporto Sant’Anna mi sarei aspettato una vera presa di posizione dei Sindaci del Crotonese, come ad esempio andare dal Prefetto e consegnare la fascia, ma nisba, ad oggi sento e leggo delle dichiarazione da vombico, tipiche di politicanti allo sbaraglio, la Bianchi che parla di fallimento della Politica piuttosto che fare un mea culpa del suo di fallimento politico, talmente  attaccata alla poltrona che in 14 anni ha cambiato sette casacche, e che dire del  comunicato della Stasi che bacchetta tutti, mi viene da dire  da che pulpito viene la predica, ma dov’era negli ultimi 4 anni e mezzo ??? mahhh, la cosa che sbalordisce ed a mio avviso ha del’incredibile è questa, ma come cazzo, (scusate il linguaggio), ha fatto una società che non aveva niente da gestire ad essere piena di debiti ??? ricordo a tutti che l’Aeroporto fino a pochi mesi fa era chiuso, ci giunge notizia, che, addirittura, sembrerebbe che, la sola direttrice costi 8.000,000 al mese oltre ai benefit, facendo le debite proporzione Marchionne nciu sbriffa, spero e mi auguro che la notizia trapelata non corrisponda al vero, altrimenti, dovremmo chiamare Striscia La Notizia, visto che  trattasi di soldi pubblici,  inutile che vi parli dell’Ex presidente Salerno e dei suoi acquisti, dopo aver letto l’articolo che sotto vi pubblico mi sento di assegnare la cacchia dell’anno al Sindaco di Crotone, Peppinuzzu Vallone. Propongo di costituire un comitato PRO – AEROPORTO apolitico e lanciare un azionariato popolare per l’acquisto della società o x formarne una nuova sperando che RYANAIR NON ABBANDONI

pinguiniFallimento Sant’Anna Spa : ecco chi ha chiuso l’aeroporto

Gravi inadempienze burocratiche da parte della società fallita e sul comune di Crotone il Tribunale rileva “criticità circa l’impegno finanziario”

Il Tribunale di Crotone decreta il fallimento della Società S.Anna S.P.A. e nonostante le dichiarazioni rassicuranti del presidente della Provincia e Sindaco di Crotone, Peppino Vallone, quello che emerge dalle carte è il ruolo da protagonista recitato proprio dal Comune di Crotone nella “morte” dello scalo pitagorico. Sarebbe semplice attribuire solo colpe politiche alla disfatta della società aeroportuale, ma la sentenza del Tribunale di Crotone, seppure individua gravi inadempienze nella presentazione della documentazione idonea da parte di Sant’Anna Spa, allo stesso modo individua nel Comune di Crotone uno dei principali colpevoli.

La vicenda è senza dubbio complessa, e probabilmente nelle prossime settimane continuerà ad offrire nuovi spunti di riflessione ed analisi. Documenti che mancano, superficialità o poca attenzione nel presentare la documentazione richiesta dal Tribunale, quello che emerge leggendo la sentenza che dichiara il fallimento della società che gestiva lo scalo pitagorico, pare avere dell’incredibile.

In principio manca una relazione, quella di un professionista che attesti la veridicità dei dati aziendali e la fattibilità del piano. Da lì in poi una serie di mancanze, di documentazioni parziali, tardive, spianano la strada alla richiesta di fallimento avanzata dal pm.

La nuova documentazione, sollecitata dal Tribunale, e presentata in data 9 febbraio 2015, è stata ritenuta dal commissario giudiziale non sufficiente, evidenziando “criticità in merito al fabbisogno ed ai flussi finanziari.

Il 18 marzo la società Sant’Anna Spa deposita una relazione firmata dal legale rappresentante; attestazioni di copertura finanziaria (mancano quelle del Comune di Crotone), una delibera di aumento di capitale (non seguita da impegno di spesa), una comunicazione del dirigente Lavori pubblici della Regione.

Mercoledì 15 aprile alla luce della documentazione presentata il Tribunale ha dichiarato inammissibile la domanda di concordato preventivo datata 17 giugno 2014, ed ha disposto il fallimento, come richiesto dalla procura in data 29 gennaio 2015.

Nel decretare il fallimento della società Sant’Anna Spa il Tribunale di Crotone si è però premunito di chiarire la vicenda processuale : ha contestato l’assenza iniziale della relazione del professionista, assenza che non può essere sanata successivamente, in quanto non requisito di regolarità e validità, ma di ammissibilità della domanda di concordato, e in quanto tale la sua carenza non è sanabile.

Nel descrivere la vicenda il Tribunale scrive che e all’udienza del 29 gennaio la società S.Anna Spa “nulla ha prodotto limitandosi a dichiarare di essere pronta ad attestare il piano come integrato, omettendo di eseguire qualsiasi deposito/integrazione, così palesando la inquivocabile incapacità di effettuare le necessarie attestazioni“.

Capitolo Royalties. In ordine alle royalties per un importo di 1.750.000,00 euro risultano garantiti con adeguati e documentati impegni di spesa i versamenti dei Comuni di Cutro, Cirò, Cirò Marina, Isola , Strongoli, Melissa e Crucoli. Manca l’impegno di spesa ufficiale del Comune di Crotone, che con i suoi 900 mila euro rappresenta la fetta grossa del salvataggio (?). Agli atti del Tribunale risulta solo un atto di indirizzo del Comune di Crotone (carta straccia).

Il Comune di Crotone – scrivono i giudici fallimentari – partner maggioritario, ai fini dell’attuazione risulta non aver versato agli atti della procedura, alcuna attestazione, da parte del responsabile finanziario, comprovante l’avvenuta destinazione delle royalties“.

Per tutte queste ragioni il Tribunale “non può che esprimere un giudizio negativo in ordine alla fattibilità stante l’assoluta , manifesta non attitudine del piano presentato dal debitore a raggiungere gli obbiettivi prefissati, ossia a realizzare la causa concreta del concordato“.

Il Tribunale ha espresso altresì forti perplessità circa l’aumento di capitale sociale prodotto dalla società Sant’Anna Spa : “Permangono le criticità relativamente all’impegno del Comune di Crotone per i versamento delle royalties ed alla sottoscrizione del deliberato aumento di capitale sociale, manca quindi una parte rilevante delle risorse destinate alla soddisfazione dei creditori ed alla continuità aziendale.

Concordato dunque non ammissibile, il Tribunale si spinge oltre e definisce l’ipotesi concordataria “ab origine radicalmente priva di praticabilità giuridica, per incongruità dei meccanismi e degli strumenti all’uopo prescelti”. Con buona pace di tutti gli attori in scena per uno dei film più orrendi della storia crotonese!

Maria Bonaiuto Fonte : http://www.crotone24news.it

Pubblicato in Aeroporto, Isola Capo Rizzuto | Lascia un commento

Isola Capo Rizzuto, Comandante Iorno toc toc, faccia in modo di far rettificare all’Ufficio Anagrafe quel volantino…

e colpa del blog

e colpa del blog

Ci arrivano richieste di chiarimenti da parte di cittadini che ci chiedono se è obbligatorio la registrazione di affitto per avere la residenza.

A Roberto che ci scrive : al comune non mi fanno la residenza perchè dicono che mio padre mi deve fare un contratto di affitto della casa, sapete dirmi se è vero.

Rispondiamo che non è obbligatorio e che basta la semplice dichiarazione di assenso del proprietario, tutto il resto è NOIA.

E visto che siamo in tema  Chiariamo un piccolo concetto al Responsabile del Settore  Demografici del Comune di Isola di Capo Rizzuto , che a nostro avviso confonde l’abusivismo edilizio con l’occupazione abusiva di una casa,  giusto uno sporloquio, mentre ai migranti fanno le residenze senza fissa dimora con una facilità impressionante, agli italiani mettono il bastone fra le ruote inventandosi di tutto e di più,   per INCISO LO INFORMIAMO CHE x la richiesta di Residenza non è ASSOLUTAMENTE OBBLIGATORIO registrare il contratto di fitto all’Agenzia dell’Entrate e non siamo noi che lo diciamo ma lo scrive la PREFETTURA DI AVELLINO in una sua Circolare, invitiamo anche la Prefettura di Crotone a fare altrettanto, cosi da evitare che la legge sia usata ad uso e consumo dal dipendente di turno per creare problemi ai cittadini.

Eccovi la circolare della Prefettura di Avellino :

CircolareUTGAvellino23feb15

Speriamo che dopo aver letto questa CIRCOLARE il comandante Iorno faccia adeguare questo volantino, che sotto vi allego affisso alle porte dell’ufficio anagrafe :

manifesto comune

Pubblicato in Cattiva amministrazione, Curmo, Falsi miti | Lascia un commento

Isola Capo Rizzuto, Isis nessun problema, ci pensa il Comandante dei Vigili !!!!! state sereni…

iiiiiiLadies and Gentelment Isolitani nessuna paura dell’Isis state sereni, il comando dei  vigili si sta attrezzando contro un eventuale invasione dell’Isis , addirittura c’è chi vorrebbe andare in Libia a prenderli, non ci credete ????,,,, “naturalmente è una battuta , a Roma non sono riusciti a contenere 4 tifosi , figuriamoci se arrivano i tagliagola, povera Italia”, leggetevi la determina che sotto vi allego, hanno già deciso di acquistare gli anfibi, scommettete che presto acquisteranno anche le tute mimetiche ………eccovi la determina cliccate sopra determine anfibi

Pubblicato in Capo Rizzuto, Cattiva amministrazione | Lascia un commento

Isola di Capo Rizzuto, sotto sequestro una porzione del Porto di Le Castella…….la DDA Calabrese colpisce al cuore il sistema ……… caccia aperta ai colletti bianchi ????? e ora la politica faccia la sua parte è delittuoso continuare a rimanere inermi davanti a tale spregiudicatezza …….

pinguiniVengo e mi spiego, già a maggio 2012 questo blog si era interessato alla vicenda in quanto ci era sembrato strano che con determina n. 236 del 28.07.2009 era stato affidato l’incarico di progettazione ed il giorno dopo il 29.07.2013 con delibera n. 147, “naturalmente l’abbucatu Bombardiere era assente”, era stato approvato il progetto definitivo , da non crederci manco mago zurlì avrebbe saputo fare di meglio eccovi cosa scrivemmo : https://isolacaporizzuto.wordpress.com/2012/12/05/isola-capo-rizzuto-la-sindaca-carolina-girasole-parla-di-legalita-ma-spesso-dimentica-che-gli-atti-li-fa-lei/?relatedposts_exclude=8501 a questo articolo rispose l’architetto f.f. ecco cosa scrisse : https://isolacaporizzuto.wordpress.com/2012/05/28/isola-capo-rizzuto-larchitetto-ferraro-legge-e-risponde/

ora che i documenti sono in mano alle forze dell’ordine, immaginiamo che gli chiederanno come hanno fatto in un solo giorno ad elaborare tale progetto e, finalmente sapremo se sapevano prima che avrebbero avuto l’incarico o si sono rivolti a qualche mago o hanno lavorato intensamente tutta la notte per redigere il progetto. Immaginiamo anche che cercheranno di confondere gli inquirenti dicendo che due dei tre tecnici avevano avuto l’incarico nel 2007 , determina n. 436 del 28.12.2007, ma quello era tutto un altro progetto da finanziare con le royalties.

Immaginiamo inoltre, che gli inquirenti vorranno sapere come mai degli incarichi per competenze tecniche pari a circa 110.000,00 euro siano stati assegnati in modo diretto senza manco uno straccio di gara e senza manco uno straccio di procedura negoziata cosi come immaginiamo verificheranno come mai l’ incarico di progettazione è stato affidato a tre diversi professionisti non associati, non costituiti in società di professionisti, non soci di un’unica società di ingegneria, non costituiti in raggruppamenti temporanei di cui alle lettere a), b) e c) dell’art. 90 del d.lgs. 163/2006 ed ai quali si applicano le disposizioni di cui all’articolo 37 del d.lgs. 163/2006 in quanto compatibili; non appartenenti a consorzi stabili di società di professionisti e di società di ingegneria.

Ci auguriamo e speriamo che ci sia almeno l’impegno da parte dei professionisti aggiudicatari dell’affidamento di costituirsi in associazione professionale, da acquisirsi al momento della partecipazione alla gara;

In quanto l’ affidamento di un unico incarico a tre soggetti diversi é in violazione della disposizione di cui al comma 3 dell’art. 90 cit., nonché del principio generale contenuto nell’art. 2232 c.c., per il quale la prestazione d’opera professionale, quale è tipicamente quella del progettista, riveste carattere strettamente personale; l’incarico di direzione deve essere affidato ad un unico responsabile, anche se ai sensi dell’art. 124 del regolamento 554/1999; non si comprende chi è il direttore dei lavori, chi il responsabile della sicurezza.

Ma ritorniamo ai fatti, il 24 dicembre 2013 i carabinieri su mandato della D.D.A hanno sequestrato tutta la documentazione relativa ai LAVORI DI COSTRUZIONE, AMMODERNAMENTO E AMPLIAMENTO DELLE BANCHINE PER MIGLIORARE LA SICUREZZA DELLE OPERAZIONI DI SBARCO O CARICO DEL PORTO DI LE CASTELLA sia la porzione di porto dove sono avvenuti i lavori, in quanto sembrerebbe che A FINE NOVEMBRE sia stata inviata un interdittiva antimafia che riguardava la ditta che eseguiva i suddetti lavori in risposta a questo i lavori continuavano tranquillamente ed addirittura con determina n. 1016 del 11/12/2013 è stato approvato lo stato finale dei lavori, a ns avviso spregiudicati e dire poco.

Ora però gli inquirenti ci vogliono vedere chiaro sembrerebbe che i lavori non siano stati completati realmente, a nostro avviso se non ci fosse stato l’intervento delle forze dell’ordine e tutto filava liscio avrebbero fatto una bella perizia di variante per il completamento di tali lavori cosi come avviene in buona parte dei lavori effettuati nel Comune, in un futuro post vi elencherò tutte le perizie di variante fatte negli ultimi 4 anni, stavolta a quanto pare li hanno bloccati in tempo.

Per quanto riguarda la presenza di soggetti non autorizzati all’interno del cantiere ci aspettiamo che a questo punto la politica faccia la sua parte “qualche testa deve saltare al COMUNE chi non ha vigilato deve essere perlomeno sospeso è incocepibbile e delittuoso continuare a rimanere inermi davanti a tale spregiudicatezza ” perché se è vero che il Direttore Lavori aveva il compito e l’obbligo, sia ex lege, art. 126, comma 2 lett. c) D.P.R. 554/99, che contrattuale, di vigilare sulla presenza delle ditte in cantiere anche in virtù della figura di Coordinatore per la sicurezza che lo stesso potrebbe ricoprire, ma tale fatto non esclude che nella conduzione dell’appalto, rispetto al Direttore dei Lavori, è preminente la figura del Responsabile del Procedimento poiché a lui fanno capo tutte le decisioni più importanti attinenti, sia allo svolgimento fisiologico del rapporto, sia agli aspetti patologici.

Infatti, il Responsabile del Procedimento impartisce al Direttore dei Lavori tutte le istruzioni necessarie a garantire la regolarità dei lavori stessi , esercitando, altresì, i poteri di impulso e controllo sull’operato dell’appaltatore dando allo stesso le disposizioni ed istruzioni necessarie attraverso lo strumento dell’ordine di servizio. Ciò vuol dire che la presenza del Direttore lavori, cui spettava la vigilanza sull’attività dei subappaltatori, non fa venire meno la responsabilità del RUP, almeno in via sussidiaria e sotto l’aspetto della culpa in vigilando.

Perché se è vero che i tecnici “2 architetti ed u ingegnere sono stati iscritti nel registro degli indagati immaginiamo che dopo la lettura delle carte altri se ne aggiungeranno ” hanno presentato gli elaborati di fine lavori chi li ha approvati era tenuto ad assicurarsi dell’effettiva fine dei lavori , speriamo e ci auguriamo per loro che sia stato fatto un verbale di sopralluogo sul posto per verificare la consistenza di fine lavori e tutto sia nella norma altrimenti, dovremmo chiedere a Gerardo Sacco di fargli dei braccialetti personalizzati in ferro arruzzatu.

Com’è incocepibbile che in un comune dove non si riescono a pagare manco le bollette dell’elettricità si ricorre ad anticipazione di cassa per liquidare il primo SAL dei lavori e le competenze tecniche di progettazione in questo caso sono stati anticipati circa 650.000,00 euro sotto vi pubblico determine di liquidazione, vi ripubblico la delibera 147 del 29.07.2009 e vi ripubblico anche determina 1016 dell ‘ 11.12.2013 di approvazione stato finale alias Speddy Gonzales.

Quest’operazione che ai più può sembrare una cosetta da niente a nostro avviso è una mazzata al sistema “personalizzato” degli appalti pubblici in Italia e, potrebbe diventare un modello investigativo da seguire .

Detto questo attendiamo risposte anche dei LAVORI : per la sistemazione dei versanti nel territorio del Comune di Isola Capo Rizzuto, localita’ Capo Bianco, Capo Rizzuto e Cannelle”considerato che un cittadino italiano ONESTO da oltre 2 anni e mezzoi ha presentato regolare e dettagliata denuncia alle autorità competenti.

determina approvazione stato finale

determina liquidazione 1 sal

determina pagamento progettazione

d 147
147

del 147

Pubblicato in Isola Capo Rizzuto | Lascia un commento